July 18, 2014

descentintotyranny:

Israel begins its ground invasion of the Gaza Strip

(via futurerovine)

July 18, 2014
corallorosso:

RICORDANDO VIK
"Rifletteteci un attimo, sarebbe come se l’esercito italiano per catturare un pericoloso boss mafioso, iniziasse a bombardare pesantemente il centro di Palermo." “Per i lutti che abbiamo vissuto, prima ancora di italiani, spagnoli, inglesi, australiani, in questo momento siamo tutti palestinesi. Se solo per un minuto al giorno lo fossimo tutti, come molti siamo stati ebrei durante l’olocausto, credo che tutto questo massacro ci verrebbe risparmiato.
Restiamo umani.”
Gaza, Gennaio 2009

corallorosso:

RICORDANDO VIK

"Rifletteteci un attimo, sarebbe come se l’esercito italiano per catturare un pericoloso boss mafioso, iniziasse a bombardare pesantemente il centro di Palermo."
“Per i lutti che abbiamo vissuto, prima ancora di italiani, spagnoli, inglesi, australiani, in questo momento siamo tutti palestinesi. Se solo per un minuto al giorno lo fossimo tutti, come molti siamo stati ebrei durante l’olocausto, credo che tutto questo massacro ci verrebbe risparmiato.

Restiamo umani.”

Gaza, Gennaio 2009

(via misantropo)

July 12, 2014

fotojournalismus:

Srebrenica Anniversary: Bosnian mom buries 2 sons 19 years after massacre (July 11, 2014)

After 19 years, Hajrija Selimovic finally has a place to mourn her family.

Selimovic buried her two sons next to her husband’s white tombstone in a cemetery for the victims of Srebrenica, Europe’s worst massacre since World War II.

The three were among the 8,000 Muslim men and boys killed when Serb forces overran the eastern Bosnian town on July 11, 1995. Samir was 23 and Nermin 19 when they were shot by an execution squad.

The remains of Srebrenica victims are still being found in mass graves to this day and are being identified using DNA technology. Every July 11, more are buried at a memorial center near the town.

"They were victims of monstrous nationalism," Camil Durakovic, Srebrenica’s mayor, said.

Selimovic’s two sons were among the 175 newly identified victims laid to rest this year, joining 6,066 others including their father Hasan, who was found in 2001 but buried only last year.

"I didn’t want to bury him because they found only his head and a few little bones," Selimovic said. "I waited, thinking the rest will be found and then everything can be buried at once … but there was nothing else and we buried what we had."

So thousands of traumatized mothers and widows are faced with a dilemma — whether to either bury just a fragment, or wait until more bones are found.

This year, the families of about 500 identified victims have decided not to accept just two or three bones. Those will remain stored in a mortuary in the northern city of Tuzla until more remains are found — or until the families get tired of waiting.

Selimovic, who made a hard decision last year regarding her husband, said this year’s decision was easier. 

"Now I am burying two sons," she said. "They are complete. Just the younger one is missing a few fingers." (via AP)

Photos by Dado Ruvic/Reuters & Elvis Barukcic/AFP/Getty Images.

(via misantropo)

July 11, 2014

yerawizardhana:

#TweetLikeABC

In response to Diane Sawyer’s misrepresentation of Palestinians after Israeli airstrikes on Gaza as Israeli victims

(via misantropo)

July 6, 2014

(Source: iqx.deviantart.com, via futurerovine)

June 13, 2014
nightmare-noise:

Lemmy

nightmare-noise:

Lemmy

(via scarligamerluss)

June 8, 2014

iceageiscoming:

(Source: yourpunksucks)

June 6, 2014
Stanley e i femori su per il culo.

Stanley e i femori su per il culo.

June 5, 2014

paoloxl:

Arriva in dvd il reading movie del libro “Gaza - Restiamo Umani” scritto da Vittorio Arrigoni.

di Giorgia Pietropaoli

Il film Restiamo Umani non è un documentario, non è una fiction e nemmeno una docu-fiction. Unico nel suo genere, si fa carico di dare il via a un nuovo filone cinematografico, il reading movie, ovvero il film della lettura. Restiamo Umani - The Reading Movie è, dunque, il film della lettura integrale del libro Gaza - Restiamo Umani scritto da Vittorio Arrigoni (1975 - 2011). Il libro rappresenta il diario giornaliero dei ventidue giorni di massacro avvenuto durante loperazione militare Piombo Fuso, un’operazione sferrata dal governo israeliano contro i civili della striscia di Gaza, tra la fine del 2008 e l’inizio del 2009, in cui morirono più di milleduecento civili e in cui più di quattrocento bambini furono assassinati.

Un film che rappresenta, in sintesi, “il documento storico di un crimine contro l’umanità” e che potrà essere acquistato in dvd (corredato di un libretto di circa trenta pagine composto da foto e da alcuni scritti) sul sito https://stayhuman.tv/ al costo di 10 euro (parte dei ricavi verrà utilizzata per le nuove edizioni internazionali del film e parte sarà devoluta al Palestinian Center for Human Rights e al Palestinian Center for Democracy and Conflict Resolution). Il film può essere visto anche gratuitamente sul sito www.restiamoumani.com.
Tra i lettori filmati in questa pellicola troviamo nomi importanti comeNoam ChomskyRoger WatersDon Andrea GalloMoni OvadiaEgidia Beretta Arrigoni. Il film è stato girato alla prima lettura per mantenere l’empatia e la forza espressiva di ogni protagonista.

Vittorio Arrigoni, volontario dell’International Solidarity Movement, ha assistito in prima linea al bombardamento della popolazione di Gaza, un bombardamento che andava contro ogni convenzione internazionale e in cui furono distrutti ospedali, scuole, moschee e abitazioni civili.

«Riconoscendo nelle nostre quotidiane gesta che i nostri padri e le nostre madri ci hanno insegnato sin da piccoli, così agendo resteranno al nostro fianco per sempre, sinché anche noi cambieremo meta e dimensione, sperando di aver avuto il tempo a nostra volta, di lasciare l’eredità del nostro meglio a coloro che con noi hanno convissuto parte del cammino» scriveva Arrigoni in una lettera a Marco Besana.
E questo film rappresenta sicuramente l’eredità di Vittorio. Frasi dal libro Gaza. Restiamo umani:

«Ho una videocamera con me ma ho scoperto oggi di essere un pessimo cameraman, non riesco a riprendere i corpi maciullati e i volti in lacrime. Non ce la faccio. Non riesco perché piango anch’io».

«Faranno il deserto e lo chiameranno pace. Il silenzio del «mondo civile» è molto più assordante delle esplosioni che ricoprono la città come un sudario di terrore e morte».

«Qualcuno fermi questo incubo. Rimanere immobili in silenzio significa sostenere il genocidio in corso. Urlate la vostra indignazione, in ogni capitale del mondo «civile», in ogni città, in ogni piazza, sovrastate le nostre urla di dolore e terrore. C’è una parte di umanità che sta morendo in pietoso ascolto. Restiamo umani».

Per tutte le informazioni sul film potete consultare il sito di Restiamo Umani e il sito https://stayhuman.tv/?lang=it .

http://popoff.globalist.it/Detail_News_Display?ID=104672&typeb=0&Restiamo-Umani-diventa-un-film

May 19, 2014
malinconialeggera:

Ultime parole di Cesare Pavese prima del suicidio, 1950
« Perdono tutti e a tutti chiedo perdono. Va bene? Non fate troppi pettegolezzi »

Classe.

malinconialeggera:

Ultime parole di Cesare Pavese prima del suicidio, 1950

« Perdono tutti e a tutti chiedo perdono. Va bene? Non fate troppi pettegolezzi »

Classe.

(Source: visibileparlare, via cinicainlove)

Liked posts on Tumblr: More liked posts »